Non hai mai vissuto davvero finché non aiuti qualcuno che non può ripagarti. (John Bunyan)

Era il 1983 e Lino Brundu, in testa a un gruppo composto da altri quattro insegnanti, si interrogava a proposito del tempo libero.

Non si parlava di come occupare questo tempo per tappare un buco dopo una giornata, una settimana o un anno di lavoro vedendo quelle agognate vacanze arrivare, né tantomeno quest’attenzione ricadeva nel “convincere la compagnia di amici abituali sul frequentare quel posto piuttosto che un altro” ma bensì, l’idea e la domanda che stavano nascendo nelle coscienze di questi ragazzi, era un’altra: “e se per questo o quel motivo non potessimo fare da noi?”.

È cosi che, rivolgendo uno sguardo a coloro che generalmente vivevano di  “assistenza”, viene ideato il primo programma di vacanze rivolto a soggetti con disabilità che, per l’Italia di quegli anni, il 1986, risultava essere una novità assoluta.

Il nostro fondatore

Lino Brundu

Inizia a prendere forma l’Associazione Tempo Libero Handicappati, per gli amici A.T.L.HA, ideata dallo stesso Lino Brundu, nel quale si riconoscerà la figura del Fondatore e Presidente della stessa.

L’obiettivo era occuparsi del tempo libero delle persone disabili, per promuoverne la crescita e per  favorire una più ampia integrazione sociale . Un’attenzione particolare  veniva dedicata all’informazione e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle istituzioni. il volontariato costituisce il motore dell’attività  dell’associazione e viene valorizzato come  indispensabile fattore di sviluppo dell’intera società.

Il riconoscimento per gli sforzi e la volontà dell’Associazione arriva nel 1992 quando ATLHA e il Comune di Milano firmano la concessione, da parte di quest’ultimo, della Cascina Bellaria, casolare alle porte di Milano immerso nel verde che si trasformerà nella “base operativa” dell’associazione la quale darà spazio, attenzione e intrattenimento alle persone disabili del capoluogo lombardo.

I lavori di ristrutturazione e l’impegno economico sono notevoli, si tratta di un’associazione di volontari, ma grazie al contributo di Fondazione Cariplo, aziende, istituti bancari, enti e privati, nel 2005 la Cascina Bellaria vede nuova luce ed è definitivamente pronta all’inaugurazione.

Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita. (Proverbio cinese)

La spinta verso l’estero e i viaggi sono i tratti fondamentali dell’Associazione che, nel 1985 – 1986 realizza il progetto “Un Ponte Italia-Usa” , il primo scambio internazionale in collaborazione con il Provveditorato agli Studi, il Comune di New York e le principali organizzazioni americane all’avanguardia nel campo della disabilità; il progetto prosegue fino a celebrare il decennale di questa iniziativa ampliando i rapporti di partenariato, spaziando coast to coast senza limiti e aprendo la strada a nuove esperienze internazionali Europa, Turchia, Giappone, Israele.

Dal 2010 al 2016 Atlha realizza un nuovo ciclo di scambi di successo col Comune di Melbourne e varie organizzazioni locali denominato  “MELMI: Un Ponte Italia-Australia” ; con  il coinvolgimento diretto di giovani disabili, si avvia un confronto e un’apertura a nuove prospettive di collaborazione su contenuti di interesse specifico: la mobilità e l’accessibilità di tutti i luoghi pubblici compresi i parchi gioco.

Dallo scambio nasce il progetto Beautiful Park : area ludica accessibile inaugurata in Cascina Bellaria nel 2013.

L'anima di ATLHA

Il turismo accessibile

Il tema del turismo accessibile, da sempre motore trainante dell’Associazione, ha portato Atlha a partecipare nel 2013 al concorso nazionale “ARS – Arte che crea occupazione sociale” promosso da Fondazione Accenture, in partenariato con Touring Club Italiano e Mapability, con il  progetto “TourismA”, finalizzato alla creazione di un tour operatore per i viaggi accessibili. 

Si classificherà al secondo posto su 514 progetti per poi venire premiato a Roma e riceve la Menzione Speciale da parte del Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo.

 

Consiglio Direttivo

Fabiola BERETTA

PRESIDENTE

Franco CARRETTONI

VICE PRESIDENTE

Marzia LOVATI

CONSIGLIERE

Teresa MACCHIAIOLO

CONSIGLIERE

Michela MARCATO

CONSIGLIERE

Liliana VIGANO’

DIRETTORE GENERALE

Umberto VIGANO’

REVISORE DEI CONTI

Naomi CAMPBELL

PRESIDENTE ONORARIO

Comitato di Gestione

Laura BOERCI

REF. CULTURALE

Daniela BERTOZZI

REF. PSICOPEDAGOGICO

Ilaria POZZOLI

REF. VOLONTARI

Stefano BORSANI

REF. COORDINAMENTO